Psicosi

Dor, Joel, La forclusione del Nome-del-Padre. Approccio ai processi psicotici

La metafora paterna - Il Nome-del-Padre - La metonimia del desiderio - La forclusione del Nome-del-padre. Approccio ai processi psicotici.

Da Introduction à la lecture de Lacan, I, Denoël, Paris 1985, pp. 114 - 127.

La metafora paterna ha una funzione strutturante, dal momento che essa fonda il soggetto psichico come tale. Pertanto, se qualcosa impedisce la riuscita della rimozione originaria, la metafora paterna non si realizza. A partire dai lavori di Freud, Lacan ha sviluppato delle riflessioni completamente originali su questo punto:
“Cerchiamo ora di concepire una circostanza della posizione soggettiva, in cui all’appello del Nome-del-Padre risponda, non l’assenza del Padre reale, dato che questa assenza è più che compatibile con la presenza del significante, ma la carenza del significante stesso (…)
Estraiamo da diversi testi di Freud un termine che in essi è sufficientemente articolato da renderli ingiustificabili se non dovesse designare una funzione dell'inconscio distinta dal rimosso. Diamo per dimostrato quello che è stato il nocciolo del mio seminario sulle psicosi, e cioè che tale termine si riferisce alla piú necessaria implicazione del suo pensiero quando si misura col fenomeno della psicosi: è il termine di Verwerfung."

Leclaire, S, A proposito dell'episodio psicotico che presentò l'Uomo dei lupi

Una prima traduzione italiana dello scritto di Serge Leclaire, À propos de l'épisode psychotique que présenta "l'homme aux loups" (1958) (La Psychanalyse, n° 4, P.U.F., pp. 83-110; ristampato in Cliniques méditeranéennes, n° 33-34, Erès, Toulose 1992, pp. 135-157), è apparsa, col titolo "A proposito dell’episodio psicotico presentato dall’ “uomo dei lupi”, in un una raccolta di saggi di autori vari (Solomon Resnik e Piera Aulagnier, oltre allo stesso Leclaire) edita da Marsilio nel 1978 nella collana Psicologia analitica, col titolo Psicosi e linguaggio, a cura di Pietro Bria, Sergio De Risio, Filippo Maria Ferro. Le gravissime insufficienze di questa traduzione, sia dal punto di vista tecnico che teorico, sono da noi discusse nello scritto “Tendenza verso l’uomo o relazione verso l’uomo?”, posto al seguito della nostra traduzione del saggio di Leclaire.

Questo saggio di Leclaire è e resterà un classico della psicanalisi imprescindibile.

Melman, Charles, Le strutture lacaniane della psicosi

L'Associazione Lacaniana di Napoli ha gentilmente reso disponibile il Seminario di Charles Melman tenuto a Napoli il 29 e 30 maggio 2009 su Le strutture lacaniane delle psicosi.

"Un giorno che mi annoiavo per i corridoi e anche lui, mi ha chiesto “sapete fare un osservazione psichiatrica?”. Questa è una buona domanda, perché quando siete davanti a un malato che cosa ritenete essere dei segni distintivi importanti? Io gli ho risposto di non saper fare di queste osservazioni (venivo allora dagli studi di medicina) e lui mi ha detto dunque di andare con lui. Si è seduto ai piedi del letto di un malato, mi ha chiesto di sedermi accanto e mi ha detto di prendere carta e scrivere. Io ho detto di sì, ma che cosa avrei dovuto scrivere?  'Scriva tutto quello che l’ammalato dice' ha detto. Lui comunque sapeva che la malattia era nel suo discorso e che era l’analisi di quel discorso che avrebbe permesso di cominciare a comprendere cosa fosse questa malattia."

Web Statistics