Clinica e scrittura

Abstract Ipotesi per un'altra scrittura (della) clinica

È possibile evitare la sciattezza del racconto del "caso clinico"- nella sua pretesa e asettica "scientificità" come nella sua pretesa e coinvolgente "umanità" - per esplorare un'altra scrittura (della) clinica? La scrittura è meramente accessoria all'intelligenza del "caso clinico" o la "clinica" è una certa forma di scrittura?

E' possibile evitare la sciattezza del racconto del "caso clinico"- nella sua pretesa "scientificità" come nella sua pretesa "umanità" - per esplorare un'altra scrittura (della) clinica? La scrittura è meramente accessoria all'intelligenza del "caso clinico" o la "clinica" è una certa forma di scrittura, che definirei provvisoriamente : (non)-letteraria? La scrittura (della) clinica e il racconto letterario possono incidere l'una sull'altro, e in che modo?

Verrano qui proposte alcune ipotesi in forma sperimentale.

- See more at: file:///E:/lacan_freud_dinamico/site/Ipotesi.html#sthash.rwfU36pz.dpuf

Allouch, Jean, Psychanalyse et écriture: Lucia Tower

Traduzione imminente.

Manghi, Moreno, Per fortuna non è successo niente

Web Statistics